Posso ricordare chiaramente, come la maggior parte delle madri, sono sicura, il momento esatto in cui ho dato alla luce il mio primo figlio. Ero assolutamente sommersa da sentimenti di amore e sensazioni di gratitudine. E poi, circa dieci o quindici secondi dopo, ero altrettanto sommersa da consigli, suggerimenti e informazioni. Tutto questo mi è stato proposto con le migliori intenzioni, ma, nonostante ciò, era opprimente. Non riesco ad immaginare quante volte ho sentito le parole “Dovresti“, “Vorrai” e “Devi“.

Ovviamente, quei sentimenti di amore e gratitudine persistono ancora oggi, così come i consigli, che siano richiesti o meno. E questo viene da un’esperta, una professionista, nel campo dell’infanzia. Posso solo immaginare gli tsunami di suggerimenti e consigli che devono sopraffare una madre che li chiede apertamente.

Non esiste una mamma che prende questo ruolo alla leggera.

Questo lavoro è a tempo pieno, non importa se sei una mamma casalinga, una mamma che lavora o qualcosa nel mezzo. I tuoi figli sono nella tua mente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, indipendentemente da tutto il resto che potrebbe succedere, quindi tendiamo a fare molte ricerche e, con accesso a dati illimitati tramite internet, Barnes & Noble o tua suocera (quest’ultima ha molto più da dire, di gran lunga) è inevitabile che riceviamo alcune informazioni contraddittorie.

Anche quando si tratta di bambini, penso che la discussione superi persino la politica per la pura divisione e l’affermazione dell’opinione come fatto. Oggi, quindi, voglio concentrarmi sulla mia area di competenza, cioè il sonno, e cercare di sfatare alcuni dei miti più diffusi che ho visto nei forum per genitori, sentito da gruppi di mamme con cui ho parlato, o che mi sono stati riportati direttamente tramite i social media.

I miti più diffusi

Dormire troppo durante il giorno terrà il bambino sveglio di notte.
Improbabile, tranne che in casi estremi. A meno che il tuo piccolo non dorma praticamente tutto il giorno e sia sveglio tutta la notte, probabilmente non devi preoccuparti eccessivamente della durata dei suoi sonnellini. I neonati, in particolare, hanno bisogno di un’enorme quantità di sonno. Infatti, fino a circa 6 mesi, non consiglio che il tuo piccolo sia sveglio per più di circa 2 – 2 ore e mezza prima della successiva seduta di sonno. Per i neonati, quel numero è più vicino a 45 minuti o un’ora.

Ciò che mantiene i bambini svegli di notte, più di ogni altra cosa, è l’eccessiva stanchezza.

Potresti pensare che un bambino esausto sia più propenso a crollare per tutta la notte rispetto a uno che ha dormito tutto il giorno, ma è esattamente il contrario. Il motivo per cui lo definiamo “troppo stanco” è perché il bambino ha perso la fase di “stanchezza ideale” e il suo corpo inizia a rimettersi in moto, il che impedisce loro di addormentarsi e rimanere addormentati. Un bambino che ha dormito una quantità soddisfacente di sonno durante il giorno, al contrario, è molto meno propenso a saltare la sua finestra di veglia. Ci sono notevoli variazioni a seconda dell’età del bambino e della lunghezza dei suoi sonnellini, ma fino a quel punto, i 6 mesi di età, non è poi così insolito per il bambino dormire circa 4/4.5 ore al giorno oltre al sonno notturno, quindi se il tuo piccolo è ancora entro queste linee guida, lascialo dormire.

Dormire è uno sviluppo naturale e non può essere insegnato.
Dormire è naturale, assolutamente. Tutti si svegliano e si riaddormentano più volte a notte, indipendentemente dalla loro età. Quindi no, non puoi insegnare a un bambino ad avere sonno. Ciò che può essere insegnato, tuttavia, è la capacità di riaddormentarsi autonomamente. Il tipico “bambino difficile dal punto di vista sonno” non ha meno bisogno di sonno o è più incline a svegliarsi. È solo un bambino che ha imparato a rifarsi a dei supporti esterni del sonno per riaddormentarsi quando si sveglia. Una volta che il bambino comprende come addormentarsi senza assistenze esterne, inizia a collegare i cicli di sonno con maggior facilità, ed è questo il segreto per “dormire tutta la notte”, per come la maggior parte dei genitori lo intende.

I bambini stabiliscono naturalmente i loro orari del sonno.
L’idea che la fisiologia infantile sia così perfettamente e naturalmente programmata da regolare gli orari del sonno di un bambino è, in tutta onestà, ridicola. Niente contro Madre Natura, ma lei non ci fornisce un bambino pronto all’uso, altrimenti sarebbe un essere che cammina sei minuti dopo la nascita, o un cucciolo che sfugge ai predatori entro un giorno. I nostri bambini sono più carini, ma chiaramente non così pronti per il campo di battaglia che li aspetta appena usciti dall’utero. I nostri bambini hanno bisogno di cure estese e aiuto nel loro sviluppo, e i loro cicli di sonno sono incredibilmente erratici se lasciati senza una regolazione. Se vanno oltre la loro finestra di veglia anche di mezz’ora, la loro produzione di cortisolo può aumentare causando un’impennata di energia, e le cose rapidamente vanno fuori controllo. Quindi, per quanto sarebbe bello che i bambini potessero addormentarsi facilmente e velocemente quando sono stanchi, semplicemente non funziona in questo modo. Questo non vuol dire che non dovresti rispondere ai loro segnali di sonno, ma non dovresti fare affidamento esclusivamente a tali segnali.

Lo sleep training causa stress per il bambino e può influenzare negativamente l’attaccamento genitore-figlio.
No. E qui non parlo solo io. Parla anche l’American Academy of Pediatrics, riconosciuta a livello mondiale come fonte affidabile di informazioni sulla salute dei bambini. E secondo uno studio del 2016 condotto da otto dei loro migliori ricercatori, l’intervento comportamentale, (noto anche come “sleep training”) “fornisce significativi benefici sul sonno rispetto al controllo, ma non trasmette risposte allo stress avverse o effetti a lungo termine sull’attaccamento genitore-figlio o sulle emozioni e comportamenti del bambino.” Non c’è molto margine di interpretazione qui.

I bambini non sono “progettati” per dormire tutta la notte.
Mettendo da parte le nostre credenze religiose per un momento, penso che possiamo tutti concordare che, anche se i bambini fossero “progettati” in qualche modo, chiunque abbia fatto il progetto ha lasciato ampio spazio per alcuni aggiornamenti. Affidarsi alla fisiologia del proprio bambino per creare il loro ritmo sonno-veglia, le loro abitudini alimentari, il loro comportamento o quasi ogni altro aspetto della loro educazione è una ricetta per il disastro.

Il tuo bambino è progettato per mangiare tre chili di caramelle? Certamente no. Lo farà, tuttavia, se tu genitore non intervieni. Il tuo bambino è progettato per evitare i predatori? Se sì, nessuno ha informato i miei piccoli, che avrebbero felicemente abbracciato una tigre siberiana affamata se si fosse avvicinata.

I nostri piccoli hanno bisogno della nostra esperienza e autorevolezza per guidarli attraverso i loro primi anni, e probabilmente anche per decenni dopo. Questo è particolarmente vero quando si tratta del loro sonno. Alcuni bambini sono naturalmente dei dormiglioni, di sicuro, ma non affidarti ai consigli di coloro che ti dicono che i bambini dovrebbero naturalmente regolare il proprio sonno. Sei tu a decidere perché sai cosa è meglio, anche se a volte potrebbe non sembrarlo.

Ovviamente, ci sono molti altri miti e concezioni sbagliate riguardanti i bambini e le loro abitudini del sonno, ma questi sono alcuni dei più importanti su cui soffermarci con dei fatti.

Ricorda, ci sono infiniti post sui social media e siti web che si presentano come fatti, ma niente li ferma dal fare determinate affermazioni, indipendentemente dalla loro accuratezza o basi in prove scientifiche reali.

Google Scholar è un ottimo posto per trovare studi scientifici revisionati dai pari su tutto ciò che riguarda i bambini, e fonti affidabili come l’American Academy of Pediatrics, i National Institutes of Health, il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito, l’Ospedale per Bambini Malati del Canada, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre organizzazioni nazionali per la salute dei bambini sono eccellenti fonti di informazioni su cui puoi sentirti sicuro di utilizzare per rispondere alle tue domande sulla salute del tuo bambino.

E se vuoi più informazioni sui benefici del sonno… sono qui, disposta a parlarne fino al punto di essere noiosa.

Miriana FoglianoConsulente del sonno

Partner di MammeComeNoi (vai al suo profilo)

Accedi al tuo account qui sotto

Compila i campi qui sotto per iscriverti

Recupera la tua password

Inserisci il tuo nome utente o indirizzo email per reimpostare la password.

Hai bisogno di aiuto? Usa la nostra chat Whatsapp.

Contatta MammeComeNoi

Milena
Milena

Supporto sito web

Disponibile

Non disponibile