COS’È IL TUMMY TIME

Tummy time è una simpatica espressione inglese che indica “il tempo sul pancino”, ovvero una serie di giochi ed esercizi che è importante proporre al neonato da svolgere in posizione prona, ovvero sulla pancia, quando è sveglio (ricordiamoci che per il rischio SIDS si dorme solo a pancia in sù!). Il Tummy time può essere proposto sin dalla nascita e aiuta il bambino a rinforzare i muscoli di collo, schiena, braccia e gambe. Inoltre stare sulla pancia aiuterà il bambino non solo a raggiungere determinati traguardi nello sviluppo motorio, ma anche ad esplorare l’ambiente circostante, a entrare in contatto con gli oggetti e a interagire con ciò che vede, tocca, sente e odora.

La posizione sulla pancia favorisce l’acquisizione di schemi motori quali rotolare, strisciare e gattonare. Infine gli esercizi del Tummy time, favorendo Io sviluppo muscolare, riducono anche Io sviluppo della plagiocefalia posizionale (cosiddetta “testa piatta”).

DA QUANDO E PER QUANTO TEMPO

Il Tummy time può essere proposto sin dai primi giorni di vita ad esempio iniziando a sfruttare i momenti di cambio sul fasciatoio. Si inizierà con pochi minuti alla volta, cercando di ripeterlo due o tre volte nell’arco della giornata. Man mano che il bambino inizierà a tollerare la posizione a pancia in giù,

si potrà aumentare il tempo fino ad arrivare, dopo i 4 mesi, a circa un’ora di Tummy time nella giornata suddivisa in due o tre sessioni a seconda della tolleranza del bambino.

E’ importante non forzare il bambino e cambiare posizione dopo poco che mostra insofferenza o fastidio.

REGOLE PER IL TUMMY TIME IN SICUREZZA

Come ogni attività che riguarda il neonato, è importante
tenere a mente la sicurezza.

Il Tummy Time non deve essere svolto subito dopo i pasti per evitare che la compressione dell’addome in posizione a pancia in giù favorisca rigurgiti o vomito.

Il Tummy Time deve essere svolto sempre sotto stretta sorveglianza di un adulto. Se dobbiamo allontanarci per qualche motivo, è bene riposizionare il bambino a pancia in sù.

Gli esercizi del Tummy Time devono essere svolti su una superficie abbastanza dura e non eccessivamente morbida (es. Ietto), per evitare che il bambino affondi con la faccia e rischi il soffocamento.

COME PREPARARE ’AMBIENTE

Preparare l’ambiente per il Tummy Time è molto semplice.

Sarà sufficiente predisporre a terra un tappeto di circa due centimetri di spessore. Sconsiglio l’uso del lenzuolino sul tappeto, a meno che non sia ben fissato e teso, poiché arricciandosi potrebbe limitare o impedire i movimenti del bambino.

Quando è molto piccolo sarà sufficiente avere la mamma o il papà vicino (i suoi principali stimoli), successivamente vi serviranno giochi sonori (ad esempio sonagli), Iibri taxili o ad alto contrasto visivo (nei primi mesi il neonato vede bene le cose ad alto contrasto quindi consiglio di far osservare cose in bianco e nero), oggetti con consistenze e stimoli taxili diversi, uno specchio e un cuscino da allattamento o un asciugamano arrotolato.

IT’S TUMMY TIME

Ouando è sveglio e sereno mettete il bambino a pancia in giù nello spazio Iibero che avete predisposto per lui. A questo punto iniziamo a stimolarlo con l’obiexivo iniziale di fargli sollevare un pochino la testa e, man mano che crescerà e acquisirà maggior controllo, anche la schiena spingendo sugli avambracci.

Lo stimolo iniziale più importante e accattivante per il bambino siete sicuramente voi! Mettiamoci (mamma o papà) quindi sdraiati di fronte a lui, usiamo la nostra voce, le facce buffe, le canzoncine che preferisce. Man mano che il bambino cresce e inizia ad essere attratto anche da altro, iniziamo a proporgli giochi sonori che attirano la sua

attenzione, Iibri tattili da “pasticciare” con le manine, Iibri con forte contrasto (bianco e nero) e, perchè no, uno specchio che piace sempre tanto ai bambini!

Iniziate sin da subito a proporre il “tempo sul pancino”, inizialmente per pochissimi minuti, in base alla tolleranza del bambino, e andate poi gradualmente ad aumentare il tempo.

Ricordatevi che deve essere un’esperienza piacevole per il
bambino quindi non abbiate fretta e non forzatelo.

Divertitevi insieme!

VARIANTI NEL TUMMY TIME

Non tutti i bambini apprezzano la posizione a pancia in giù e potreste quindi trovarvi con vostro figlio urlante ogni volta che ci provate.

Niente panico!

Se vi trovate in questa situazione potete provare delle varianti che Io aiutino ad abituarsi gradualmente.

• Pancia a pancia con mamma o papà: iniziamo a far sperimentare la posizione a pancia in giù tenendo il bimbo sulla nostra pancia. Il contatto con voi, che siete il suo modo, Io aiuterà a tranquillizzarsi e a prendere confidenza con questa nuova posizione;

• Tummy Time sul fasciatoio: se il vostro bambino non gradisce la posizione a pancia in giù, potete iniziare ad abituarlo un po’ durante il cambio sul fasciatoio. Mamma e papà sono un po’ pasticcioni e quando devono chiudere i bottoni posteriori della tutina ci metteranno un po’ di più…e io dovrò tollerare un pochino di stare a pancia in giu!

• Cuscino allaxamento: un’altra variante consiste nel porre il bambino a pancia in giù sul cuscino allattamento con le braccia oltre al cuscino in modo che sia Iibero di toccare e afferrare con le mani. Questa posizione permette al bambino di iniziare a sperimentare senza avere un appoggio completo dell’addome. Se non avete il cuscino allattamento potete usare un asciugamano grande arrotolato.

• Variante sulla gamba: come per il cuscino da allattamento, potete posizionare il bambino a pancia in giù sulla vostra gamba sempre con le braccia oltre.

Linee guida:
Che cos’è il Tummy time: attività da proporre al neonato a pancia in giù durante la veglia.

A cosa serve il Tummy time: rinforza la muscolatura, prepara e allena il bambino per raggiungere tutte le tappe motorie, previene e aiuta nel trattamento della plagiocefalia e torcicollo

Da quando si può iniziare il tummy time: sin dal primo giorno di vita (sul petto sul fasciatoio, sul tappetone con delle agevolazioni). Iniziato sin da subito aiuta a prevenire eventuali ritardi motori.

Per quanto tempo al giorno proporre il tummy time: almeno 15 minuti al giorno entro la 7 settimana.
Almeno 30 minuti al giorno distribuiti nell’arco della giornata
(Linee guida OMS)

di Elda Castelluzzo – Neuropsicomotricisti

Accedi al tuo account qui sotto

Compila i campi qui sotto per iscriverti

Recupera la tua password

Inserisci il tuo nome utente o indirizzo email per reimpostare la password.

Hai bisogno di aiuto? Usa la nostra chat Whatsapp.

Contatta MammeComeNoi

Milena
Milena

Supporto sito web

Disponibile

Non disponibile